Ecografia Ginecologica

Ecografia Ginecologica

La donna si reca dal ginecologo principalmente per tre motivi: dolore al ventre, emorragia agli organi genitali, controllo di routine, infertilità.

Dolore al ventre

Spesso, in caso di dolore al ventre, i risultati dell'ecografia sono l'aspetto naturale dell'utero, delle ovaie e dello spazio di Douglas, e di conseguenza vengono escluse varie situazioni patologiche dagli organi genetici interni. Con il test di gravidanza positivo (+) e dopo la 5a settimana, la presenza di un utero vuoto conduce a supporre l'esistenza di gravidanza ectopica. Spesso appare in modo indicativo il piccolo sacco della gravidanza in uno degli annessi, come pure un liquido libero (sangue) nello spazio di Douglas. Molto spesso è possibile trovare, prima delle cisti, delle ovaie di altra dimensione di natura funzionale (di follicolo, di corpo luteo) o di natura neoplasmatica (cistadenomi a uno spazio o a più spazi con o senza germinazioni interne), "cisti cioccolato” di endometriosi, come pure cisti dermoide. Vistose appaiono anche le infiammazioni acute delle tube, l'idrosalpinge e l'apostema salpingo ovarico.

Emorragia agli organi genitali

In caso di recente emorragia dagli organi genitali possono riscontrarsi cisti funzionali, es. cisti di corpo luteo, che provocano una maturazione anomala dell'endometrio o in concomitanza di un test di gravidanza positivo può esserci una gravidanza ectopica o un processo di espulsione del feto. In caso di anamnesi di emorragia da mesi, è possibile l'esistenza di polipi intrauterini, fibromi sottomucosi, fibromi intraparietali, adenomiosi, iperplasia dell'endometrio e altre situazioni patologiche.

Osservazione digitale e tridimensionale dei follicoli

Nel centro vengono raccolti e digitalizzati tutti i risultati delle ecografie.

Controllo di routine

Accertarsi della non esistenza di risultati patologici nel bacino, solitamente tranquillizza le donne che si recano per un controllo di routine di prevenzione. A volte tuttavia, durante un controllo di routine possono riscontrarsi cisti neoplasmatiche delle ovaie o grandi fibromi che fino a quel momento non avevano mostrato nessuna sintomatologia. Un'importanza particolare ha la misurazione della dimensione dei fibromi e la stima semestrale della loro grandezza.

Nelle donne in menopausa viene data particolare importanza al grasso presente nell'endometrio. Un endometrio molto grasso (>8 mm) provoca una malignità sospetta nell'endometrio.

Infertilità

Una delle prime applicazioni dell'ecografia del ventre era l'osservazione delle ovaie per la determinazione del numero e della dimensione degli ovuli, allo scopo di stabilire il giorno dell'ovulazione. Così, era possibile che la fecondazione avvenisse con un'alta probabilità di successo, che venisse osservata la risposta delle ovaie ai farmaci ovulatori e che avvenisse il prelievo degli ovuli per la fecondazione assistita. Oggi, tutto questo avviene in maniera più semplice e più velocemente con l'aiuto dell'ecografia vaginale. Altrettanto facilmente avviene il riconoscimento di varie malformazioni ereditarie dell'utero (es. utero bicorne o di talamo), come pure dei fibromi sottomucosi. Infine, con l'uso di materiale apposito che produce bolle d'aria, è possibile controllare la viabilità tubarica.

Controllo prima dell'ambulatorio

Il facile utilizzo della macchina e il costo relativamente basso dell'esame ecografico ha portato all'applicazione dell'ecografia in ogni caso di paziente che deve sottoporsi a un intervento chirurgico ginecologico. Le informazioni raccolte dall'ecografia aiutano da una parte a programmare e progettare meglio l'intervento, e dall'altra a evitare interventi senza scopo o errori, come ad esempio operare una donna incinta la cui gravidanza non viene diagnosticata con il classico esame ginecologico. Inoltre, l'applicazione tempestiva del Color Doppler può dare informazioni sull'esistenza di neoplasie vascolari in una massa, specialmente se appaiono basse resistenze di flusso, caratteristica di una parete naturale di neoplasia vascolare. La localizzazione di tali vasi non è patognomonico-maligna, ma può tuttavia creare malignità sospette, che fanno sì che venga progettato un analogo intervento chirurgico.

​Νοn perdere tempo!Fissate ora un appuntamento gratis!

Contatt​ate​ ​oggi ​il Dott.​Thanos ​ Paraschos